Torna alla lista delle circolari

DAL 1° OTTOBRE 2016 NUOVE REGOLE IN TEMA DI CAPITALIZZAZIONE DEGLI INTERESSI

Il Ministro dell’economia e delle finanze, nelle funzioni di Presidente del CICR, con Decreto d’urgenza n. 343 del 3 agosto 2016, ha dato attuazione all’articolo 120, comma 2 del Testo Unico Bancario (Tub), come riformato dall’articolo 17‐bis, D.L. 18/2016 e convertito con modificazioni dalla L. 49/2016.

Nel dare attuazione alla richiamata disposizione, il decreto attuativo stabilisce che:

* gli interessi sono contabilizzati separatamente dal capitale;

* in linea con la legge, gli interessi debitori divengono esigibili dal 1° marzo dell’anno successivo a quello in cui sono maturati; in ogni caso prima che gli interessi maturati diventino esigibili, si richiede che al cliente venga assicurato un periodo pari ad almeno 30 giorni da quando egli abbia avuto effettiva conoscenza dell’ammontare degli interessi stessi; in questo modo il cliente ha a disposizione un lasso temporale adeguato per pagare il debito da interessi senza risultare inadempiente;

* ribadendo quanto già previsto dalla norma, è consentito che il cliente e la banca possano pattuire – al fine di evitare il pagamento della mora con l’avvio di azioni giudiziarie – il pagamento degli interessi con addebito in conto a valere sul fido (con conseguente produzione di interessi su quanto utilizzato per estinguere il debito da interessi).

Leggi tutta la circolare in .pdf

pdf icon Circolare-10-16-Nuove-regole-di-capitalizzazione-degli-interessi-passivi-bancari.pdf